APPUNTI DI GEOLOGIA REGIONALE a cura del Prof. Raimondo Catalano


menu pubblicazione didattica

INDICE
Nota

  06.5.1 - Unità Interne

a) Frido

Poche centinaia di metri di argille leggermente metamorfosate, calcareniti e calcilutiti del Cretaceo, con olistostromi ofiolitici.

Essa giace sotto la U. S. S. del Cilento che chiaramente sovrascorre la U. S. S. di Alburno – Cervati.

b) Sicilidi

Queste unità affiorano in modo sparso negli Appennini Meridionali, anche perché hanno subito diverse fasi tettoniche (Burdigaliano, Serravaliano, Tortoniano, Messiniano e Pliocene inf.) che le hanno spostate verso Est, disarticolando le loro sequenze molto spesso mostrano una struttura caotica e appaiono messe in posto come corpi olistostromici in U. S. S. più giovani. Una sequenza completa ovviamente non affiora, ma è possibile ricostruire da diverse sezioni una successione di 300 m di spessore (Aptiano – Oligocene) di sabbie conglomerati e argille varicolori.

c) Cilento

Questa unità è caratterizzata da più di 4600 m di spessore, di una sequenza clastica che in età si estende dal Cretaceo inf. (Aptiano?) all’Oligocene. Argille nere, silt e marne, con intercalazioni conglomeratiche sono i tipi di rocce principali. Durante la fase Burdigaliana le unità di Cilento - Frido sovrascorsero sulle U. S. S. di Alburno – Cervati.

fig. 6.36